Passa ai contenuti principali

Cassata al forno


La ricetta viene dai blog di Cinzia del Forno incantato e di Letizia del Fornelli globali
Scrivono che sia l'antenata della cassata siciliana, quella barocca, opulenta e bellissima. 
L'ho preparata così:

Per il guscio di pasta frolla,
ingredienti: 
  • 500 g. di farina 00
  • 150 g. di strutto 
  • 175 g. zucchero
  • 1 uovo 
  • la scorza grattugiata di un limone ed un mandarino bio
  • 50 g. d’acqua
  • un cucchiaino di miele
  • ½ bustina di lievito per dolci (oppure 2 g. di ammoniaca per dolci)
  • i semi contenuti in una bacca di vaniglia
  • un pizzico di sale
Impastare brevemente, tutti gli ingredienti messi nella ciotola della planetaria con la frusta K o foglia. Compattare, sigillare con la pellicola alimentare e conservare in frigo almeno per 30 minuti.

Per la farcitura,
occorrono:
  • 600 g di ricotta di pecora
  • 200 g di zucchero al velo
  • un po’ di scorza d’arancia grattugiata
  • un cucchiaio di rhum 
Far scolare la ricotta della parte sierosa e mescolarla con lo zucchero, aggiungere un po’ di scorza d’arancia bio grattugiata e un cucchiaio di rhum per pasticceria (opzionale). Lasciar riposare il composto in frigo per una notte. Dopodiché aggiungere, 50 g di gocce di cioccolato fondente e 50 g di scorzette d’arancia candita a cubetti.

Dividere un due parti la pasta frolla, stenderla col mattarello, rivestire una teglia svasata del diametro di 22-24 cm e bucherellarla per evitare che durante la cottura, possa gonfiarsi. Farcirla con il composto di ricotta, livellandolo con cura e ricoprire con la restante frolla, bucherellata.
Portare il forno a 170 gradi C in modalità ventilata e far cuocere per una mezz’ora.
Far raffreddare completamente il dolce, sformarlo e cospargerlo con zucchero al velo.


Con la frolla che avanzerà potete farci una piccola crostata con confettura d'albicocche, come  questa:



Commenti

  1. Ma io questa tua me l'ero persa! Grazie mille e spero sia stata di tuo gradimento!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Papaccelle napoletane ricce imbottite ('mbuttunate)

Sono tra gli ortaggi estivi che più mi piacciono e questa è la loro stagione. Parlo della papaccella napoletana (papaccella riccia), che è diventata anche un presidio Slow Food nel 2004.
E'
una varietà di peperone, dalla pezzaturapiccola, variamente colorata di giallo sole, di verde e di rosso intenso o vinato, tipicamente coltivata nelle zone del napoletano e del vesuviano. Queste in foto sono papaccelle  biologiche che coltiva mia zia Anna nel suo terreno a Napoli.

A me piacciono cucinate in ogni maniera: a minestrina, in padella, stufate con olive e capperi, nella cianfotta, con la pasta oppure crude nelle insalate, quando si trovano fresche, in estate.
Nella stagione invernale, quando si trovano solo sott’aceto, sono utilizzate nell’insalata di rinforzo a Natale o soffritte come contorno della carne di maiale nei mesi più freddi (e lì ci sta bene anche qualche papaccella piccante o forte).

Questa versione della papaccella ‘mbuttunata(imbottita), è quella che più preferisco ed …