Passa ai contenuti principali

Conchiglione tutto limone

Lo Chef Peppe Guida, Antica osteria nonna Rosa, Stellato Michelin a Vico Equense (Na), ha lanciato un gioco in rete, invitando a preparare una pietanza che avesse tra gli ingredienti principali, il limone. I dettagli della sfida li trovate qui
L'ho preso veramente in parola ed ecco il mio piatto, il "Conchiglione tutto limone", preparato coi miei limoni dal nostro giardino alle falde del Vesuvio.
Li ho pensati per essere serviti come primo oppure come finger food.

La ricetta per tre persone,

ingredienti:
  • n. 4 limoni non trattati
  • una ventina di foglie di limone non trattate
  • una dozzina di conchiglioni 
  • una mozzarella di bufala dop da 250 grammi
  • 3 grammi di agar agar
  • 250 g di latte
  • un cucchiaio di farina
  • 20 grammi di burro 
  • sale q.b.
  • olio extra vergine d'oliva al limone q.b.

Procedimento

Per l'acqua di foglie di limone e limoni: tagliare la buccia di tre limoni medi, non trattati, facendo attenzione ad asportarne solo la parte colorata, non l’albedo sottostante ed insieme a tre foglie di limone, preparare un’infusione in un litro e mezzo d’acqua portata quasi all'ebollizione. Lasciare in macerazione per dodici ore e poi filtrare.

Preparare una bechamel al limone, facendo sciogliere in 250 g di latte freddo, un cucchiaio di farina, scaldare e mescolando aggiungere un pizzico di sale, far rapprendere come per una crema, quindi, fuori dal fuoco ma a caldo, aggiungere 20 g di burro ed il succo di mezzo limone.

Avvolgere la mozzarella di bufala nelle foglie di limone non trattate e ben lavate, sigillare e conservare al fresco per almeno dodici ore.

Preparare il gel di limone facendo sciogliere in 150 g di acqua di limone, leggermente salata, quella preparata in precedenza, 3 grammi di agar agar e portare all'ebollizione che verrà tenuta per circa tre minuti. Far raffreddare in uno strato di 5 mm circa.

Portare all'ebollizione l’acqua di limone e foglie, salare e cuocervi i conchiglioni di pasta di Gragnano, al dente: diventeranno di un bel colore giallo limone.
Scolarli e farcirli con una base di bechamel e con la mozzarella a dadini.


Sistemare in tegliette o pignatielli di terracotta da forno, su foglie di limone, coprire con altre foglie di limone ed infornare per gratinare, una decina di minuti.


Tagliare a piccoli cubetti il gel di acqua di limone e guarnire i conchiglioni, insieme a qualche pezzettino di limone confit, ovvero limone tagliato a cubetti e spicchi e conservato sotto sale e sotto vuoto in frigorifero; lucidare la pasta con olio extra vergine d’oliva al limone e servire caldi.


#escilaricetta #lochefnostro #peppeguida #anticaosterianonnarosa

Commenti

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghettino, ma con un diametro minore.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a…