Passa ai contenuti principali

Brioche soffice tutto limone

Brioche soffice tutto limone


Avete presente il celeberrimo "spaghettini al limone e provolone delle colline vicane" dello Chef Peppe Guida, Osteria Nonna Rosa a Vico Equense? Nel video linkato, lo Chef Guida in persona, spiega come cucinarli. 
Quelli preparati da me secondo la sua ricetta, sono questi:

Per cucinarli occorre innanzitutto preparare la farina di foglie di limone, come queste del nostro giardino vesuviano, non trattate,


facendo asciugare le foglie ben lavate e tamponate in forno - ho usato per questa operazione il mio comodo, rapido e fidato microonde - ed una volta diventate secche come carta, le ho tritate e setacciate, ricavandone una polvere finissima, la verde farina di foglie di limone.
In realtà ne ho da parte una più fine, quella in foto ed una a grana leggermente più grossa, che è quella che ho usato per questa brioche.


Servirà poi l'acqua di limone, ricavata dalla parte gialla delle bucce di limoni assolutamnte non trattati, preparata tenendo le scorze in infusione in acqua appena bollente, per una notte e poi filtrando l'acqua come per una tisana, il canarino ad esempio. 

Capita, come è successo a me, di prepararne troppa per i soli spaghettini e allora, perché non provare a prepararci anche qualcosa di dolce? Magari partendo dall'idea di una soffice brioche, aromatizzata con tutto quanto ricavato dalle varie parti dell'albero del limone: foglie, bucce in acqua e tal quale e qualche goccia del prezioso succo?
E allora, pescando dal mio blog, ho ricordato di aver già preparato, nel 2017 e proprio con l’acqua di limone, una brioche, bicolore, questa, per me particolare perchè erano i primo approcci con il tang zhong aromatizzato.
E’ fatta! Preparo la brioche tutto limone con tang zhong o water roux all’acqua di limone, burro aromatizzato con la buccia del limone, limoncello e naspro al limone con la farina delle foglie di limone.Vengo al dunque

Ingredienti:


Tang zhong con l'acqua di limone
25 g farina 00
130 g di acqua di limone 

buccia di limone grattugiata

Pre-impasto o lievitino
100 g d'acqua di limone
100 g di farina 00 W 300/330
10 g di lievito di birra fresco

L'impasto finale
280 g di farina 00 W 300/330
50 g di zucchero
4 g di sale
1 uovo ed un tuorlo
45 g di burro in pomata ( di cui la metà aromatizzato a caldo con la buccia grattugiata dl limone)
un cucchiaio di limoncello caprese

La glassa
1 albume, il doppio del suo peso in zucchero, succo di limone q.b. e farina di foglie di limone

Procedimento:
per il tang zhong con l'acqua di limone: in un pentolino, far arrivare al bollore 130 g di acqua di limone e 25 grammi di farina, mescolando fino alla formazione di una massa gelatinosa, spegnere, aggiungere la buccia di limone grattugiata e lasciar raffreddare.

Preparare un lievitino, sciogliendo il lievito di birra nell'acqua di limone a temperatura ambiente, aggiungendo la farina, mescolando e facendo riposare affinché cominci la lievitazione.

Per l'impasto:
nella ciotola della planetaria, cominciare con l’aggiungere tre cucchiai di farina al lievitino, unire l’uovo intero ed due cucchiai di zucchero, il thangzhong, far impastare a velocità bassa con la frusta a K o foglia e all’assorbimento, unire ancora farina, poi il tuorlo, ancora lo zucchero rimasto, il sale e l’eventuale farina rimasta ed appena l'impasto avrà preso corpo, aggiungere il burro aromatizzato, far incordare, poi il restante burro a pezzetti, infine unire il limoncello poco per volta; cambiare la frusta col gancio ed aumentando la velocità d’impasto, far lavorare fino ad ottenere una massa liscia e molto elastica. 
Trasferire l’impasto in una ciotola leggermente unta, coprire e lasciare lievitare a temperatura ambiente fino al raddoppio. Quindi sgonfiare la massa, piegarla ed arrotondarla. Metterla a lievitare fino al raddoppio, in una teglia dai bordi alti, precedentemente foderata con carta forno oppure imburrata ed infarinata.
Cuocere in forno ventilato, già alla temperatura di 160° C per circa mezz’ora.

Per la glassatura, preparare il naspro o meringa, montando con una frusta elettrica, l'albume, lo zucchero e succo di limone, cospargere sulla superficie della brioche che ho fatto fatica a sformare tanto era soffice ed infine, cospargere con la farina di foglie di limone; far asciugare in forno a bassa temperatura.

Commenti

  1. Stupenda creazione vorrei rifarla mi dice che circonferenza ha la teglia grazie

    RispondiElimina
  2. buonasera mi saprebbe dire la circonferenza della teglia grazie e complimenti per il suo blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho adoperato uno stampo dai bordi alti da 18 cm, mi scusi per il ritardo

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.

Zeppole di San Giuseppe al forno:

Per la pasta bignè:

½ litro d’acqua½ cucchiaino di sale2 cucchiaini di zucchero180 grammi di burro 300 grammi di farina 00 (non debole)7-8 uova grandi Procedimento:
1)mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a completo assorbimento. Si posso far incorporare le uova all'impasto, con la frusta a foglia nella plan…

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano, un primo piatto di pasta, una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino, mentrela ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva …

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia.

Per il guscio di pasta frolla: 500 g di farina 00200 g di burro2 uova intere1 tuorlo 200 g di zuccheroun pizzico di salebuccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora.
Per il ripieno:

innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro1 cucchiaio di zuccheroun pizzico di salebuccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso.
Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.
Nel caso si stesse usando il grano in barattolo, sarà ne…