Passa ai contenuti principali

Le Strade della Mozzarella 2014, III giorno, l'ultimo

Le Strade della Mozzarella sono passate anche quest'anno e prepotentemente da San Giorgio a Cremano. Anzi posso affermare che è qui che per i più sono finite.

Il terzo ed ultimo giorno:
il Congresso lo aprono Salvatore Salvo e Franco Pepe.
A seguire, per l'Atelier "Pizza e lievitati" si è assaggiata la pizza di Salvatore Salvo, pizzeria Francesco e Salvatore Salvo di San Giorgio a Cremano: mozzarella di bufala e tartufo; cipollotto e alici.




 

Ha aperto la giornata Eduardo Estatico, del JK Palace di Capri, che ha parlato della prima colazione nell'ospitalità italiana, a base di prodotti provenienti dal territorio e che ha preparato un delizioso "uovo in purgatorio


Poi l'accoppiata Gino Sorbillo e Gabriele Bonci



Per la cucina d'autore internazionale e la mozzarella di bufala campana, tra gli altri Chef,  lo spagnolo pluristellato Quique Dacosta


Nell'Atelier "Pasta mozzarella e pummarola", Alfonso Caputo Chef della Taverna del Capitano a Marina del Cantone, Massalubrense, ha proposto una pasta e pomodori da viaggio, ispirandosi ai pasti dei pescatori, con spaghetti cotti in bottiglia, in una sorta di sottovuoto.


Poi, Giuseppe Iannotti, l'ingegnere, Chef del Kresios a Telese, Benevento, che ha preparato le orecchiette risottate con gamberi a crudo, brunoise di pomodori e mozzzarella, su salsa “friariello” ma che di friariello, inteso come broccolo, non ha nulla, perchè si tratta di bietole scottate e raffreddate su ghiaccio, poi frullate ed a cui è stata aggiunta polvere di wasabi, geniale!



Chiudono il Congresso, Alessandro Negrini, il luogo di Aimo e Nadia, Milano che prepara un complesso raviolo di seppia e mozzarella affumicata, in cuim trovano posto il nero di seppia, il lampascione, limone, zenzero.
A finire Gennaro Esposito, Torre del Saracino, Vico Equense, con dolce, la sfoglia di bufala, con una pasta sfogliata, appunto, con mozzarella di bufala e gelato di latte di bufala.




Commenti

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

Casatiello dolce di Pasqua con la ricetta di nonna Elisabetta

Il casatiello dolce , è un dolce pasquale molto apprezzato in casa nostra e si prepara tradizionalmente, solo a Pasqua. Ha una consistenza leggermente asciutta, così come può esserlo un dolce antico e per questa sua caratteristica, si conserva a lungo.  In famiglia ne prepariamo due versioni, una che viene tramandata dalla famiglia materna ed una da quella paterna .  Secondo me, sono tutte e due buonissime, non riesco a preferirne una all'altra, per cui, nel dubbio, le preparo entrambe, nonostante nel periodo pasquale la casa sia piena di pastiere , casatielli ,  pizze piene , etc. etc. Questa versione è quella della nonna materna, la nostra amata nonna Elisabetta , ottima e fine cuoca, abilissima coi dolci, che tante cose buone ci ha insegnato a preparare e ci preparava. Ingredienti: 800 g di farina 00 (meglio se forte) 300 g di criscito (o lievito madre in forza ) 400 g di zucchero semolato 8 uova (più 2 albumi per la glassatura) 200 g burro 150 g di uvetta 200 g ce