Passa ai contenuti principali

Le Strade della Mozzarella edizione 2014 - I e II giorno

Un po' di giorni sono passati, le emozioni si vanno smorzando ed i ricordi si sedimentano e si fissano.   
Questa è stata la mia seconda volta a Le Strade della Mozzarella a Paestum, Savoy Beach Hotel. 
Il progetto di Barbara Guerra ed Albert Sapere, nasce e si sviluppa con l'intento di avvicinarsi con sguardo nuovo ai luoghi delle origini, intrisi di storia (Paestum è sito archeologico già  Patrimonio Mondiale Unesco), raccontandoli attraverso i sapori e le eccellenze del territorio che è zona di produzione della Mozzarella di Bufala  DOP, della pasta di Gragnano IGP, del pomodoro e della Pizza. 
Contando sulle loro forze, sul Consorzio della Mozzarella di Bufala  DOP e sugli altri sponsor, Barbara ed Albert, lavorando con grande impegno e professionalità, sulla scorta del successo sempre maggiore della loro manifestazione, stanno portando LSDM anche all’estero. 
La cronaca ci restituisce regolarmente un’immagine martoriata della regione Campania e contribuire con i fatti al contrasto della disonestà dei pochi (e sottolineo pochi) è circostanza degna di encomio, che a Barbara ed Albert, con le loro Strade della Mozzarella è riuscita in pieno.

E’ troppo semplice associare insistentemente e qualunquisticamente la Campania a fenomeni deleteri: veleni, inquinamento, truffe, camorra; molto più difficile è togliersi poi, la “monnezza” dalla faccia, tirarsene fuori, senza lasciare spazio a quanti mettono a repentaglio la già fragile economia e lo scarso sviluppo di un intera bellissima e ricca terra, che si regge sul lavoro quotidiano di gente onesta, che non vuole abituarsi a tutto, che è essa stessa eccezione.
Dal 12 al 14 maggio, i tre giorni della manifestazione enogastronomica che quest’anno aveva come tema “L’eccezione e la regola”, sono stati scanditi dal susseguirsi di appuntamenti tra il Congresso, il Taste club con i tre diversi Atelier ed il Wine experience.

I prodotti d’Eccellenza sono stati declinati in molteplici forme dai migliori Chef italiani ed internazionali, che li hanno interpretati offrendone la loro personale versione.



Il primo giorno:
dall'atelier pizza e lievitati, la bella Maria Cacialli, pizzeria la Figlia del Presidente, Napoli, finalmente una donna pizzaiola! La pizza fritta, con Felice Messina:


La giornata trascorre tra lo Chef Davide Scabin, il babà di Agostino Iacobucci e la verticale di fiano Mastroberardino:

I piatti dello Chef Mauro Uliassi da Senigallia, tra i quali un piatto anni '80, i "cappelletti della zia, con panna di bufala, prosciutto, piselli crudi e formaggio bucarello" e l'ottima ricciola alla puttanesca

 

Il gelato di Corrado Assenza dal Caffè Sicilia di Noto, le tecniche di abbinamento dei vari elementi 


  


Il secondo giorno passa in fretta.

E' un dolce il piatto che lo stellato Chef ischitano Nino Di Costanzo, presenta al congresso, un'illusione, la rappresentazione del niente è come pare: il bocconcino non lo è, il pomodorino neanche. L'insieme, da consumare nell'ordine consigliato dallo Chef, restituisce un fresco equilibrio di sapori.


Niko Romito, che si ostina a non usare la mozzarella per una sorta di timore reverenziale verso l'elemento principe, propone un "dolce" da fine pasto: mandorle, yogurt, salvia, limone, nocciole, che resta tra i miei preferiti dell'edizione. Ha lasciato molti dei presenti spiazzati, loro.



Scopro poi, Moreno Cedroni, il sorridente Chef di Senigallia, che sperimenta con la mozzarella.
Ad esempio con seppia, mozzarella di bufala e cioccolato,  ripropone un nuovo “bounty” .

Nel contempo, all'Atelier "pasta mozzarella e pummarola", lo Chef Giuseppe Guida, Antica Osteria Nonna Rosa di Vico Equense (Na) con il suo Delicato Sorrentino, entusiasmava le folle, attestandosi al primo posto della classifica dei piatti più buoni delle Strade della Mozzarella di quest'anno:


 

Dall' Atelier Made in Italy, Simone Bonini, Carapina, Firenze, che gelati!


Dall' Atelier pizza e lievitati, Ciro Salvo del 50Kalò di Napoli


Chiude la seconda giornata, la verticale del Franciacorta Bellavista

Commenti

Post popolari in questo blog

Pizza piena (chiena) di Pasqua

La ricetta della  pizza chiena  ( ripiena )  di Pasqua , una torta rustica, antica e molto saporita, mi viene tramandata da  nonna Maria , arriva quindi, da Napoli.  Non è molto conosciuta come i suoi parenti stretti e famosi, il casatiello e il tortano, ma da noi in famiglia, viene molto apprezzata. E' molto semplice da preparare.    Ingredienti: 1 kg di impasto per il pane ( tipo quello per il "palatone" preparato con il criscito ) oppure, prepararlo impastando: 660 g di farina 00 di buona qualità, 12 g lievito di birra, 400 g di acqua circa, 4 g sale.  Impastare come d'abitudine e far lievitare fino al raddoppio. 150 g ca. di sugna buona ( quella con l’aroma di alloro )  8 uova fresche 80 g ca di pecorino romano grattugiato 50 g ca di parmigiano stagionato grattugiato pepe nero macinato al momento  Ripieno dal peso totale di 700 g circa composto da  cubetti  di:  salame napoletano provolone semi-piccante c

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto ( panade ) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due per volta, fino a comple