Passa ai contenuti principali

Brioche "norvegesi" o quasi



Queste brioche le ho chiamate "norvegesi" perchè appunto, le ho scovate su questo bel sito norvegese. E' vero, il fantasioso traduttore di google ed io, spesso ci divertiamo a tradurre da lingue un tantinello ostiche e lui è proprio un burlone! In ogni caso, nonostante gli strafalcioni, le brioche "norvegesi" sono buonissime, morbide morbide e con una consistenza della mollica "cotonosa", tipo zucchero filato, un particolare che anelavo da tempo. Inoltre, sono facili e veloci da preparare e non troppo cariche di burro. 

Ecco gli ingredienti e le istruzioni per farle. 

Ingredienti:
  • 500 grammi di farina 00 di media forza
  • 250 g di latte intero
  • 12 grammi di lievito di birra fresco
  • 75 grammi di zucchero (aromatizzato con la bacca di vaniglia)
  • aroma a scelta: buccia di limone o arancia grattugiata, vaniglia
  • ¼  di cucchiaino di sale
  • 1 uovo piccolo
  • 75 grammi di burro a dadini
  • un albume o poco latte per spennellare o lucidarne la superficie (oppure con un mix di uovo e latte o ancora, uno sciroppo di zucchero spennellato a caldo) 
Si possono farcire prima della cottura e naturalmente, anche dopo, ad esempio col gelato in estate.


Preparazione: 
mettere tutti gli ingredienti, tranne il burro, nella ciotola della planetaria e lasciare impastare con la frusta a K o foglia, per circa 10 minuti a bassa velocità, ribaltando l’impasto di tanto in tanto e controllando se fosse necessario aggiungere altra farina, nel caso di impasto troppo molle, oppure altro latte, se l’impasto dovesse risultare troppo sostenuto.
Appena l’impasto sarà ben formato, aggiungere il burro a dadini e lasciare impastare montando il gancio alla planetaria, aumentando di poco la velocità d'impastamento, fino a che tutto il burro sia stato incorporato e che l'impasto non si stacchi dalla ciotola. La pasta dovrà essere diventata elastica e liscia, ci vorranno circa 10 minuti d'impastamento.
Coprire  la ciotola con una pellicola di plastica  e mettere l'impasto in un luogo riparato, dovrà raddoppiare. A questo punto, si potranno formare le brioche: ribaltare l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata e dividerlo in pezzi, nel mio caso le brioche pesavano circa 60 grammi l’una. Formarle come si desidera (io mi diverto molto a farne di diverse forme). Appoggiare le brioche su una placca foderata con carta forno, oppure negli alloggiamenti degli stampi da muffin e lasciarle lievitare fino al raddoppio, in luogo riparato.Spennellarle con albume o latte oppure uovo e se piace, cospargerle con zucchero in granella. Infornarle alla temperatura di 170° C per circa un quarto d’ora. Io uso la cottura ventilata. I tempi di cottura variano a seconda del forno e della grandezza delle briochine, in ogni caso, queste saranno pronte, quando saranno diventate ben dorate. 
Farle raffreddare appena su una griglia e gustarle (ancora calde danno il meglio).






Commenti

  1. io ti adoro! e adoro le tue brioche. i tuoi post mi mettono il sorriso :)

    (ho suggerito al mio capo la tua ricetta della pasta con zucca e nduja :D ti farò sapere che combina!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, quando preparo le brioche oramai penso a te :D
      Fammi sapere della pasta e zucca!
      Un bacione

      Elimina
  2. A guardarle sono favolose,immagino quando si ha la fortuna di assaggiarle cosa si prova,brava.

    RispondiElimina
  3. Cercando una ricetta per i kumquat prelevati dal mio vaso dopo aver preparato il liquore... Mi sono imbattuta nel tuo blog, e mi hai conquistata!... Come ha fatto la tua città!! Adoro Napoli, la sua gente, i suoi colori, i suoi profumi i suoi sapori!!
    Ho subito iniziato la preparazione delle brioche norvegesi... Ti farò sapere appena pronte!
    Un caro saluto.
    Patrizia

    RispondiElimina
  4. Eccomi, pronta al contrappello!! Ricetta semplice e brioches riuscitissime ! Leggere, morbide e profumate!
    Quest'estate le provo con il gelato, come si usa in Sicilia!😁🤗

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

Casatiello dolce di Pasqua con la ricetta di nonna Elisabetta

Il casatiello dolce , è un dolce pasquale molto apprezzato in casa nostra e si prepara tradizionalmente, solo a Pasqua. Ha una consistenza leggermente asciutta, così come può esserlo un dolce antico e per questa sua caratteristica, si conserva a lungo.  In famiglia ne prepariamo due versioni, una che viene tramandata dalla famiglia materna ed una da quella paterna .  Secondo me, sono tutte e due buonissime, non riesco a preferirne una all'altra, per cui, nel dubbio, le preparo entrambe, nonostante nel periodo pasquale la casa sia piena di pastiere , casatielli ,  pizze piene , etc. etc. Questa versione è quella della nonna materna, la nostra amata nonna Elisabetta , ottima e fine cuoca, abilissima coi dolci, che tante cose buone ci ha insegnato a preparare e ci preparava. Ingredienti: 800 g di farina 00 (meglio se forte) 300 g di criscito (o lievito madre in forza ) 400 g di zucchero semolato 8 uova (più 2 albumi per la glassatura) 200 g burro 150 g di uvetta 200 g ce