Passa ai contenuti principali

LSDM 2016 IX edizione: il congresso

Da vincitrice del Contest "Pasta Veggie style" con la mia Delizia potente al profumo di foglie di limone e mozzarella, mi è stata regalata da Barbara Guerra ed Albert Sapere, l'opportunità di assistere ad alcuni laboratori durante i lavori congressuali della IX edizione del LSDM a Paestum.
Che dilemma fare una scelta, un programma ricchissimo! Il tema, Contaminazioni, qui nell'illustrazione di Gianluca Biscalchin

di Gianluca Biscalchin
Ma insomma, una volta formato il mio "dream team", sono partita alla volta di Paestum, insieme ad un ben assortito gruppetto di amiche food blogger, Rosaria, Rosa e Antonella, Valentina, Teresa, Antonia. Alcune tra loro neofite, altre no. Ci saremo divertite moltissimo.
Della notte al Museo archeologico di Paestum, per l'apertura del Congresso, vi ho già parlato nel precedente post.
Passando ai lavori, quest'anno si sono concentrati in una due giorni presso il Savoy Beach Hotel e si sono articolati nelle sale, la blu e la rossa e nei Taste club sulla terrazza: il lounge Paste e Pomodoro, Tutti Fritti e la Cucina dolce. Oltre ai tanti assaggi, tra quelli di caffè Kimbo

e quelli del pane di Matera di Milena e Giovanni Schium, che quest'anno hanno presentato in anteprima, le "chips" di semola di grano duro.


Il primo appuntamento del 18 aprile, Taste club - Cucina dolce, in ottima compagnia, seguo Antonino Maresca che ci prepara la sua "Pausa caffè":
 

Poi è la volta di uno dei miei preferiti, lo Chef Davide Oldani, cucina pop, introdotto da Fiammetta Fadda:


Mozzarella a piedi
Al taste club - Lounge Pasta e Pomodoro, c'è lo Chef Cristian Torsiello:


Da San Giorgio a Cremano, il mio ridente paese ai piedi del Vesuvio, è la volta di Salvatore Salvo, pizzeria Francesco e Salvatore Salvo, moderato da Allan Bay, che ci racconterà il percorso in crescendo del suo bel locale, una vera macchina da guerra e la sua idea di contaminazione applicata alla pizza, che adesso si sta materializzando nelle cosiddette "pizze elaborate" come le chiamava suo padre.


E sempre dar San Giorgio a Cremano, il Cavalier Sabatino Sirica, decano dei pasticieri napoletani, che ci delizierà con le sue zeppole fritte guarnite con crema ed amarena.

Piccolo inciso, esperienza entusiasmante per me: aiutare il pasticciere Francesco Guida, Osteria Nonna Rosa, Vico Equense Na), nella preparazione delle sue zeppole fritte, dalla formatura, alla frittura al Taste club - Lounge Tutti Fritti di martedì 19 aprile.
Siamo partiti la sera precedente, nel laboratorio di pasticceria dell'Hotel Savoy, per la formatura. Che posto incantevole, non sarei venuta più via.
 

Poi il mattino seguente di buon ora, ancora formatura in laboratorio ed infine, frittura in terrazza. Il mio compito è stato aiutare a passare le zeppoline appena fritte, nello zucchero e cannella. So di aver aiutato innanzitutto, a fare felici tanti che aspettavano per assaggiarle, ma più di tutti ero (e sono) felice io e per questo un grazie di cuore a Teresa e a Francesco Guida.


Terminato questo felice intermezzo, ho partecipato ai tanti attesi laboratori.


Con lo Chef Andrea Berton in Sala Rossa, si è aperto il mio secondo giorno. Indimenticabile il suo risotto: carnaroli, polvere di olive, di pomodoro, di cappero,  di porro, origano, crema di mozzarella.


Poi è la volta della Chef Ana Roš, il piatto più bello e sorprendente, anche per lei che l'ha provato insieme a noi per la prima volta, il "Brodetto che vuole essere un savor", contrasti agrodolci che richiamano la sua terra d'appartenenza, Kobarid (Caporetto) in Slovenia e l'hanno coniugata con la nostra.


Ana Ros
Brodetto che vuole essere un savor
Poi lo Chef Ernesto Iaccarino e a seguire i Costardi Bros, ovvero i fratelli Christian e Manuel Costardi che hanno pensato ad un finto sartù di riso, con interno di tubetti rigati, mozzarella, melanzane, pomodoro, un pasticcio di pasta in crosta di riso.



Ho chiuso in bellezza con il pasticcere francese Jacques Genin, da me scelto e tanto atteso, che volendo adoperare la ricotta di bufala locale, per stupirsi e stupire del suo lavoro, si è messo in gioco reinterpretando la Cheesecake.


Chiudo questo lungo post, affermando che aspetto già la X edizione del LSDM, e ringraziando il mio amico pastaio Giuseppe Di Martino


e mia sorella Elisabetta che nonostante la mole dei suoi impegni, si libera per accompagnarmi. Non per niente si è conquistata sul campo, la qualifica di gourmet.


Commenti

  1. :)
    Sono felice di aver vissuto questa esperienza con te...e non è ancora finita ;)

    RispondiElimina
  2. ancora complimenti maria, è stato bellissimo passare due giorni insieme.

    RispondiElimina
  3. È stato bellissimo per me che ero una delle neofite che hai citato, ma mi sono sentita subito a mio agio, anche grazie a te...
    Due giorni indimenticabili!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.

Zeppole di San Giuseppe al forno:

Per la pasta bignè:

½ litro d’acqua½ cucchiaino di sale2 cucchiaini di zucchero180 grammi di burro 300 grammi di farina 00 (non debole)7-8 uova grandi Procedimento:
1)mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a completo assorbimento. Si posso far incorporare le uova all'impasto, con la frusta a foglia nella plan…

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano, un primo piatto di pasta, una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino, mentrela ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva …

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia.

Per il guscio di pasta frolla: 500 g di farina 00200 g di burro2 uova intere1 tuorlo 200 g di zuccheroun pizzico di salebuccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora.
Per il ripieno:

innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro1 cucchiaio di zuccheroun pizzico di salebuccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso.
Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.
Nel caso si stesse usando il grano in barattolo, sarà ne…