Passa ai contenuti principali

Choux craquelin su arlettes, crema e salsa al limone di Amalfi

Choux "craquelin" su arlettes di pâte feuilletée inversée, crema e salsa al limone di Amalfi

Ingredienti:
Per preparare gli choux uso questa ricetta:
  • 250 grammi d’acqua
  • 150 grammi di farina 00 forte
  • 90 grammi di burro
  • un pizzico cucchiaino di sale fino
  • mezzo cucchiaino di zucchero
  • 4 uova grandi intere
Procedimento:

a) mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero ed il sale, far bollire;
b) quando il liquido sale, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che
la farina sia ben incorporata;
c) fare asciugare velocemente l’impasto a fuoco basso e ricavarne una palla;
d) togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, anche in planetaria, fino a completo assorbimento;
e) quando la pasta ha legato facendosi liscia, mettere nella tasca da pasticceria con bocchetta liscia e formare gli choux delle dimensioni volute,
direttamente negli stampi di silicone e congelare;

Intanto preparare il craquelin (ricetta Michalak):

  • 50 grammi di burro in pomata
  • 60 grammi di zucchero di canna
  • 60 grammi di farina 00

Mescolare tutti gli ingredienti in planetaria con la foglia.
Stendere l'impasto tra due fogli di carta forno allo spessore di cirac 2,5 mm.
Congelare fino al momento dell'uso, oppure lasciare in frigo un'ora in frigorifero.

Al momento di preparare il dolce, adagiare su una teglia coperta da carta forno, i bignè congelati distanziandoli; poggiarvi sopra, i cerchietti di craquelin, ritagliati con un coppa pasta dello stesso diametro dei bignè ed infornare alla temp. di 160° C in forno ventilato già a temperatura, per 45 minuti circa.

Preparare una salsa o crema base al limone:
mescolare bene a freddo: 1 tuorlo , il succo di un limone, la sua buccia grattugiata, 150 g di zucchero, 40 grammi di amido di mais, un pizzico di sale.
Cuocere a bagnomaria mescolando di continuo fino a che l'amido gelatinizzi.

Preparare la crema alla panna e mascarpone (ricetta adattata da C. Adam)

- 150 g di mascarpone
- 200 g di panna
- 30 g di zucchero a velo
- 5 g di limoncello

Semi montare la panna, aggiungere il mascarpone, poco per volta,  lo zucchero a velo e montare, infine aggiungere il limoncello e conservare in frigo.

Dividere la crema in due ed in una metà unire, per aggiunte successive, la salsa o crema base al limone, mescolando con una spatola; farcire gli choux, praticando un piccolo foro alla base ed aiutandosi con il sac a poche.

Con la pasta sfoglia inversa preparata con questa ricetta qui, preparare le arlettes al limone:

stendere circa 300 g di la pasta sfoglia inversa in un rettangolo da 30 cm circa di larghezza e 0,5 cm di spessore.
Spennellare con un sottile strato di burro fuso e cospargere con la buccia di limone grattugiata.
Arrotolare e conservare in congelatore per almeno 45 minuti o fino a che il rotolo indurisca e si possa agevolmente tagliare a fette, spesse mezzo centimetro.
Mettere le fette in frigorifero, una trentina di minuti, quindi, intingerle nello zucchero e stenderle a circa 2 mm di spessore, con un mattarello.
Poggiarle sulla placca del forno foderata con un Silpat, farle riposare ancora una ventina di minuti in frigo e cuocerle in forno alla temp. di 180 ° C, fino a quando il lato inferiore caramellizzi. Girarle e farle cuocerle ancora pochi minuti, fino a quando entrambe le facce siano ben cotte.
Conservare le arlettes in una scatola ben sigillata.


Montaggio:

su una arlette, poggiare uno choux farcito con la crema al limone, aggiungere la salsa di limone e decorare con ciuffi di crema alla panna e scorzette di limone candite.

 

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…