Passa ai contenuti principali

Melanzane al cioccolato con amarena

Only the brave.

Piccolo antefatto.
In principio c'era tanta diffidenza, collezionavo inviti all'assaggio, tutti declinati.
Ma tutto stava nel dare il primo passo, superare il primo impatto, l'arriccio del naso, perché melanzana e cioccolato, sono un abbinamento che, dopo, conquista.

Certo, esistono sempre alcune variabili da tenere in considerazione, in dipendenza da chi e come vengono preparate, dal gusto personale, dal trattare e scegliere i vari ingredienti, ma posso assicurare che scegliendo melanzane buone, fritte con cura, del cioccolato ottimo, amarene conservate a dovere, il prodotto finale, questo semifreddo dolce, sarà quanto meno di buona qualità oltre che un pochino originale.

Tengo a precisare che queste semisfere di melanzane al cioccolato, non sono quelle tradizionali, ma una mia reinterpretazione. Del dolce di Ponticelli, quartiere della periferia orientale di Napoli, dove vengono preparate solo in occasione della festa della Madonna della Neve, il 5 agosto, ho conservato ovviamente, l'ingrediente principale, la melanzana fritta, quella lunga e nera, il cacao amaro, il cioccolato fondente.
L'aggiunta dell'amarena, in confettura o sciroppata, in abbinamento alla melanzana fritta ed anche senza cioccolato, resta un vezzo della famiglia Romano ed a me piace tramandare le buone tradizioni.

Si narra che questo dolce non abbia un'antica  tradizione, ma che avrebbe preso origine dalla seconda guerra mondiale, quando ai contadini locali, gli alleati americani, donavano  tavolette di cioccolato.

Prima che sia troppo tardi e che le melanzane buone e locali passino la mano, ovvero non si trovino più in commercio, ho deciso  di scrivere la ricetta, essenziale negli ingredienti e nei sapori.

Le "semisfere di melanzane al cioccolato con amarene", sono un semifreddo.
  



Per sei semisfere del diametro di  sei  cm occorrono:


  • 1 Kg di melanzane napoletane lunghe e nere
  • 100 g di cioccolato extra fondente
  • 50 g di zucchero a velo
  • 30 g di cacao amaro
  • una ventina di amarene sciroppate

Procedimento

Le melanzane vanno lavate, sbucciate, tagliate a fette sottili per il lungo, messe in acqua e sale; dopo una mezz'ora, vanno sciacquate, strizzate, asciugate e fritte, fino a leggera doratura.

Una metà delle melanzane fritte, vanno tagliate al coltello e mescolate ad una miscela di 70 g di cioccolato fondente tritato, 30 g di cacao amaro, 50 g di zucchero al velo.

Negli alloggiamenti dello stampo di silicone comporre a strati nel seguente modo:
foderare la cavità con fette piccole intere sul fondo, poggiare un paio di amarene sciroppate per formina, coprire con melanzane fritte condite, chiudere con fette di melanzane intere e infine, con il restante cioccolato fondente tritato.
Infornare alla temp. di 150° C per una ventina di minuti.
Far raffreddare e porre in freezer.


Nel frattempo, preparare la glassa.

Occorrono:

  • 260 g di acqua
  • 140 g di zucchero semolato
  • 80 g di cacao amaro di ottima qualità
  • 20 g di cioccolato extra fondente a pezzetti
  • 20 g di sciroppo da amarena sciroppata


Far bollire l'acqua e lo zucchero per circa 7/8 minuti, si deve ridurre per formare uno sciroppo; spostare dal fuoco ed aggiungere poco per volta, il cacao setacciato, girando per evitarela formazione di grumi.
Una volta unita la polvere al liquido, rimettere sul fuoco e sempre mescolando, far cuocere il composto almeno altri 7/8 minuti da quando inizia a bollire, a fiamma bassissima, fino a che il composto si rapprenda riducendosi.
Fuori dal fuoco, a caldo, aggiungere il cioccolato a pezzetti e farlo sciogliere; far intiepidire e glassare le semisfere di melanzane congelate ed appoggiate su una griglia.
Poggiare nei piatti da portata e guarnire con qualche amarena sciroppata.
Da consumare fredde, sono appunto semifreddi.

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…