Passa ai contenuti principali

Spaghetti all'amatriciana



Il 24 agosto '16,  nella notte, un terremoto devastante ha colpito il centro Italia, la provincia di Rieti.
Il sindaco di Amatrice, nelle ore immediatamente seguenti il drammatico evento, pronunciava queste parole terribili: "Il paese non esiste più".
Appartengo ad un gruppo di appassionati del cibo che si chiama Slowthinking ed Amatrice, sotto questo aspetto, è un simbolo, è la città degli spaghetti.
Per questo motivo, abbiamo immaginato una forma di solidarietà che passasse attraverso il cibo, attraverso il famoso piatto di spaghetti alla amatriciana.

La ricetta per gli spaghetti alla amatriciana la trovate qui, oppure qui. Ho usato i pomodori pelati San Marzano Dop La Fiammante.

In questi primi momenti, in cui ancora si scava, ma si inizia a pensare al dopo terremoto, servono aiuti concreti, anche piccoli.
La nostra iniziativa di solidarietà consiste nella preparazione di un piatto di spaghetti – alla amatriciana o al pomodoro  per i vegetariani –  e nell'invitare i propri amici, almeno tre, a fare altrettanto.
Questo è il link all'evento creato su Facebook per chi voglia aderire.
Simbolicamente sarà il nostro piatto offerto ad Amatrice, per aiutarla, nel nostro piccolo, in questo momento di dolore e necessità.
Non sono necessarie grandi cifre, in tanti, anche con poco, si può' fare la differenza.
Chi voglia aderire a questa iniziativa potrà semplicemente fare queste cose:
http://bit.ly/2bI9ON6

Per assicurare la maggiore trasparenza possibile nella gestione dell'iniziativa, abbiamo scelto di affiancarci al Consorzio Di Promozione e Tutela della Pasta di Gragnano IGP.
Chiunque abbia un blog e voglia raccontarne ai suoi lettori, è il benvenuto.
Per le pubblicazioni social, l'hashtag da usare è: #unpiattoperamatrice.

Il mio piccolissimo contributo

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…