Passa ai contenuti principali

Migliaccio dolce

Il migliaccio dolce, è un antico dolce della tradizione napoletana, tipico del periodo del carnevale, ma buono in tutte le stagioni. 
In questo altro post troverete notizie sulle sue origini ed il suo significato.


Questa è la ricetta di famiglia: 
Ingredienti
  • 180 g di semolino di grano duro (ottima la Senatore Cappelli)
  • 750 g di latte aromatizzato con una bacca di vaniglia
  • un pizzico di sale
cuocere questi ingredienti fino all'ebollizione ed ancora per 3-4 minuti, mescolando di continuo con una frusta metallica. Quando il composto sarà diventato tiepido, sempre mescolando, aggiungere:
  • 350 g zucchero
  • 60 g burro
Appena sarà arrivato a temperatura ambiente, aggiungere:
  • 5 uova
  • 500 grammi di ricotta di pecora (detta romana) o di bufala campana Dop
e mescolare con la frusta elettrica per amalgamare tutto;

infine aggiungere:
  • 100 g di cedro e scorzetta d’agrumi canditi, tagliati a piccoli cubetti
  • una fialetta di acqua di millefiori
  • la buccia grattugiata di mezza arancia e mezzo limone non trattati
  • ½ tazzina di rhum per pasticceria
Versare il composto in una teglia da 26 cm di diametro o anche 25 cm se piace un po' più alto, teglia già foderata con carta forno. Riempire le teglie fin quasi al bordo.
Infornare per un'oretta circa, in forno già alla temperatura di 170° C.
Cospargere la superficie con zucchero al velo.

Questo dolce l'ho preparato per  "Mangiare Matera" con il loro semolino di grano duro da grano var. Senatore Cappelli.

Commenti

  1. Ciao, ti ho scoperta grazie alla tua collega blogger Patty!
    Da buona napoletana, come te, non posso non apprezzare il titolo del tuo blog, e questa ricetta che, nemmeno a farlo apposta, mi ha accolta al mio primo passaggio qui!
    Adoro il migliaccio e sono anche d'accordo sul fatto che è un dolce delizioso tutto l'anno, ma come l'hai servito tu, in maniera così raffinata e originale, non me lo sarei mai immaginato! Complimenti!

    RispondiElimina
  2. Ciao Maria...direi che è un dolce morbido.....me lo confermi? Così lo faccio pure per il ristorante.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo Stefania, morbido e profumato. Tipico del Carnevale

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghettino, ma con un diametro minore.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a…