Passa ai contenuti principali

Pasta e fagioli tiepida con spollichini e peperoncini verdi di fiume


Ho seguito la ricetta dello Chef Peppe Guida, Antica Osteria Nonna Rosa a Vico Equense (Na), ricetta riportata qui da Dora Sorrentino. 
Che sapori in questo piatto! Una squisita delizia, un'armonia. Grazie sempre allo Chef Guida.  
Quest'anno mi è tornato prepotentemente in mente e l'ho ripreparato con il Mischiato delicato del Pastificio dei Campi di Gragnano nel bellissimo piatto di Ceramica vietrese Solimene regalatomi da Elisabetta.





I fagioli che ho usato sono gli "spollichini" freschi (cannellini):
  
mischiato potente + spollichini + peperoncini verdi + expo
Fagioli spollichini

mischiato potente + spollichini + peperoncini verdi + expo
Fagioli spollichini

 I peperoncini verdi (di fiume) gli ultimi di zia Anna, coltivati su suolo napoletano:

mischiato potente + spollichini + peperoncini verdi + expo
Peperoncini verdi di fiume by zia Anna - Napoli


 Ingredienti per 2 persone

  • 500 g di fagioli spollichini freschi
  • 120 g di pasta formato Mischiato delicato pastif. dei Campi
  • 2 peperoncini verdi freschi
  • 1/2 spicchio d'aglio
  • un pizzico di origano (di montagna)
  • olio extra vergine d'oliva delle Colline Salernitane q.b. 
  • pepe nero macinato al momento 
    Preparazione

    Sgranare i fagioli spollichini freschi, sciacquarli e portarli all'ebollizione coperti d’acqua. Appena prendono il bollore, scolarli, ricoprirli con altra acqua fredda e portarli a cottura (togliere le prime impurità li rende più digeribili). Il procedimento completo e dettagliato per la sbianchitura dei fagioli lo trovate qui su Gennarino.

    Una volta cotti i fagioli, aggiungere il sale, lo spicchio d'aglio, un filo d'olio e calare la pasta; lasciarla cuocere  un paio di minuti in meno del tempo indicato sulla confezione. 


    Spostare dal fuoco e aggiungere a crudo i peperoncini tagliati a rondelline,
    l'olio evo, infine, un pizzico di origano e un po' di pepe.

    Lasciare intiepidire e riposare la pasta per 4/5 minuti circa e servire.

    Commenti

    1. avendo gli spollichini cotti ieri abbiamo subito provata la ricetta in famiglia: ottima !! Complimenti per l'abbinamento !!

      RispondiElimina

    Posta un commento

    Post popolari in questo blog

    Zeppole di San Giuseppe al forno

    Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



    Pasta, patate e provola

    Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
    Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

    Ingredienti per  2 persone
    N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

    in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

    Papaccelle napoletane ricce imbottite ('mbuttunate)

    Sono tra gli ortaggi estivi che più mi piacciono e questa è la loro stagione. Parlo della papaccella napoletana (papaccella riccia), che è diventata anche un presidio Slow Food nel 2004.
    E'
    una varietà di peperone, dalla pezzaturapiccola, variamente colorata di giallo sole, di verde e di rosso intenso o vinato, tipicamente coltivata nelle zone del napoletano e del vesuviano. Queste in foto sono papaccelle  biologiche che coltiva mia zia Anna nel suo terreno a Napoli.

    A me piacciono cucinate in ogni maniera: a minestrina, in padella, stufate con olive e capperi, nella cianfotta, con la pasta oppure crude nelle insalate, quando si trovano fresche, in estate.
    Nella stagione invernale, quando si trovano solo sott’aceto, sono utilizzate nell’insalata di rinforzo a Natale o soffritte come contorno della carne di maiale nei mesi più freddi (e lì ci sta bene anche qualche papaccella piccante o forte).

    Questa versione della papaccella ‘mbuttunata(imbottita), è quella che più preferisco ed …