Passa ai contenuti principali

Come riso e patate

risotto

Di recente ho iniziato a dovermi misurare con l’intolleranza al nichel, spesso devo farlo anche con quella al lattosio, inoltre, in famiglia avanzano i vegani. In sintesi, bisogna cercare di fare del proprio meglio, scegliendo cibi e preparazioni che possano mettere tutti intorno allo stesso tavolo a condividere la stessa pietanza, non mortificando il gusto, anzi, cercando di esaltare gli elementi del piatto che possano mettere tutti d’accordo.


Riso e patate è una minestra tradizionale napoletana, una variante della più conosciuta pasta e patate e come questa, viene variamente condita ed arricchita. Questa volta, ne ho fatto un risotto leggero e adatto appunto, anche a chi soffre di intolleranze al nichel, al lattosio ed al glutine, riducendo al minimo gli ingredienti aggiunti.



  •  Porzioni per 
    2 persone
     
  • Tempo di Preparazione
    10 Minuti
     
  • Tempo di Cottura
    25 Minuti
     
  • Tempo Totale
    35 Minuti

 Ingredienti per 2 persone:

  • 120 grammi riso Carnaroli
  • 120 grammi patate a cubetti
  • mezza carota tagliata fina
  • mezza cipolla tagliata fine
  • 1 gambo sedano tagliato fine
  • 1 gambo prezzemolo tagliato fine
  • 40 grammi d'olio d'oliva extravergine
  • 2 pizzichi sale fino 
Procedimento

  1. Tritare carota, sedano, cipolla, prezzemolo e far rosolare appena, in un fondo d’olio evo, in una pentola con interno porcellanato; aggiungere le patate tagliate a piccoli cubetti, far insaporire, mescolando con un cucchiaio di legno ed aggiungere un mestolo d’acqua bollente leggermente salata.
  2. Al bollore, aggiungere il riso, far insaporire, quindi aggiungere, coprendo a filo il contenuto della pentola, acqua bollente salata. Continuare la cottura mescolando come per un risotto, aggiungendo altra acqua solo quando la precedente sia stata assorbita. Portare a cottura, eventualmente aggiustare di sale.
    Fuori dal fuoco mantecare con un filo d’olio evo.
  3. Servire guarnendo con chips di patate arrostite in forno, per un tocco di croccantezza ed un pizzico di bucce di pomodoro seccate e tritate.

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…