Passa ai contenuti principali

Pasta mischiato Potente e cavolfiore in tre consistenze al profumo di mandarino




Oggi pasta e cavolo! Mi suonava come una minaccia, poi, con l'andar del tempo, ho imparato ad apprezzare questa crucifera dalle infiorescenze edule e dall'odore pronunciato.

Nel blog ci sono già diverse ricette col cavolfiore, ma questa volta, con lo stesso formato di Pasta, il Mischiato Potente di Gragnano, del Pastificio dei Campi, che tanta fortuna mi portò l'anno passato, insieme ai nostri mandarini del giardino e ad un grande olio evo pugliese, ho sperimentato la 2Pasta mischiato potente e cavolfiore in tre consistenze al profumo di mandarino"

Questa è la ricetta per due persone,
a chi gli serve (cit.) enjoy:

Ingredienti:
  • un piccolo cavolfiore bianchissimo (fresco)
  • 100 g di pasta formato Mischiato Potente
  • n. 2 mandarini freschissimi non trattati
  • 50 g d'olio evo
  • 30 g di pecorino grattugiato
  • un rametto di prezzemolo
  • pepe nero q.b.
  • sale q.b.

Preparazione:

pulire il cavolfiore senza risparmio, tenendo solo le infiorescenze.

Lessarne la metà in poca acqua salata portata al bollore, aggiungere un rametto di prezzemolo.
A cottura ultimata, levare il prezzemolo, tenere da parte l'acqua di cottura e frullare ancora caldo, il cavolfiore col minipimer.

Qualche cimetta, sgranarla ulteriormente ed infornare per 10 minuti a 180° C, facendo arrostire; trascorso questo tempo salare e aggiungere una spolverata di pecorino grattugiato, quindi infornare per pochi minuti ancora.

Le cimette restanti, tagliarle a fettine sottili con la mandolina.

Intanto, preparare l'olio al mandarino: in un tegamino, mettere 50 g d'olio e porre sul fuoco, aggiungere la buccia di un mandarino fresco e spegnere alla comparsa delle prime bollicine. Tenere in infusione fino a che l'olio non ritorni a temperatura ambiente; filtrare e tenere da parte.

Lessare la pasta per cinque minuti, colarla e terminarne la cottura "risottando" con la purea di cavolfiore e l'acqua di cottura del cavolfiore. A fine cottura, fuori dal fuoco, mantecare col pecorino.


In un piatto fondo, adagiare un mestolo di purea, poi poche gocce d'olio al mandarino, che avrà assunto un bel colore giallo carico, poi la pasta, le cimette di cavolo crudo e quelle arrostite, spolverare con pecorino, pepe nero, la buccia di mandarino grattugiata al momento ed un filo d'olio al mandarino a finire.



Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…