Passa ai contenuti principali

Pasta mischiato Potente e cavolfiore in tre consistenze al profumo di mandarino




Oggi pasta e cavolo! Mi suonava come una minaccia, poi, con l'andar del tempo, ho imparato ad apprezzare questa crucifera dalle infiorescenze edule e dall'odore pronunciato.

Nel blog ci sono già diverse ricette col cavolfiore, ma questa volta, con lo stesso formato di Pasta, il Mischiato Potente di Gragnano, del Pastificio dei Campi, che tanta fortuna mi portò l'anno passato, insieme ai nostri mandarini del giardino e ad un grande olio evo pugliese, ho sperimentato la 2Pasta mischiato potente e cavolfiore in tre consistenze al profumo di mandarino"

Questa è la ricetta per due persone,
a chi gli serve (cit.) enjoy:

Ingredienti:
  • un piccolo cavolfiore bianchissimo (fresco)
  • 100 g di pasta formato Mischiato Potente
  • n. 2 mandarini freschissimi non trattati
  • 50 g d'olio evo
  • 30 g di pecorino grattugiato
  • un rametto di prezzemolo
  • pepe nero q.b.
  • sale q.b.

Preparazione:

pulire il cavolfiore senza risparmio, tenendo solo le infiorescenze.

Lessarne la metà in poca acqua salata portata al bollore, aggiungere un rametto di prezzemolo.
A cottura ultimata, levare il prezzemolo, tenere da parte l'acqua di cottura e frullare ancora caldo, il cavolfiore col minipimer.

Qualche cimetta, sgranarla ulteriormente ed infornare per 10 minuti a 180° C, facendo arrostire; trascorso questo tempo salare e aggiungere una spolverata di pecorino grattugiato, quindi infornare per pochi minuti ancora.

Le cimette restanti, tagliarle a fettine sottili con la mandolina.

Intanto, preparare l'olio al mandarino: in un tegamino, mettere 50 g d'olio e porre sul fuoco, aggiungere la buccia di un mandarino fresco e spegnere alla comparsa delle prime bollicine. Tenere in infusione fino a che l'olio non ritorni a temperatura ambiente; filtrare e tenere da parte.

Lessare la pasta per cinque minuti, colarla e terminarne la cottura "risottando" con la purea di cavolfiore e l'acqua di cottura del cavolfiore. A fine cottura, fuori dal fuoco, mantecare col pecorino.


In un piatto fondo, adagiare un mestolo di purea, poi poche gocce d'olio al mandarino, che avrà assunto un bel colore giallo carico, poi la pasta, le cimette di cavolo crudo e quelle arrostite, spolverare con pecorino, pepe nero, la buccia di mandarino grattugiata al momento ed un filo d'olio al mandarino a finire.



Commenti

  1. A chi gli serve,❤
    Ho provato il cavolfiore con arancia e limone, il mandarino mi manca! Belle le tre consistenze, proverollo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimo nel cuore <3
      Aspetto che lo provi allora, solo tu mi puoi dare questa gioia

      Elimina
  2. mi hai fatto venire voglia di mangiare pasta e cavoli
    e a me i cavoli non piacciono 😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli verdi si però, ahahahah
      Grazie, mie affezionate lettrici

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia. Per il guscio di pasta frolla : 500 g di farina 00 200 g di burro 2 uova intere 1 tuorlo  200 g di zucchero un pizzico di sale buccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora. Per il ripieno : innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro 1 cucchiaio di zucchero un pizzico di sale buccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso. Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.