Passa ai contenuti principali

Cheesecake dolce con il pomodorino giallo ed il pomodorino rosso

Eccomi a cominciare l'anno con passioni che non mutano ed una perseveranza tale da sembrare cocciutaggine. Ma la mia convinzione non arretra di un passo e quindi, vado ad insistere nel provare tutte le declinazioni del 
lato dolce del pomodoro.
L'ennesima versione è questa cheesecake, mignon,  dove il pomodorino incontra l'agrume
quello giallo, il lime ed il limone verde, mentre il rosso, il limone ben maturo ed il basilico
Provate ad abbinarci come salsa d'accompagnamento, una ganache di cioccolato fondente amaro con un richiamo alcolico agli agrumi 

Ingredienti per quattro cheesecake mignon: 
  • 60 g biscotti speculoos tipo “lotus
  • 18 g di burro
  • 200 g di formaggio fresco cremoso
  • 60 g di panna fresca
  • 30 g di zucchero a velo
  • n. 1 foglio di gelatina da due grammi
  • pomodorini sciroppati sia gialli che rossi q.b.
  • lime sciroppato, confettura di pomodorini  q.b. 
Procedimento:
sbriciolare i biscotti, anche passando il mattarello sopra la confezioncina chiusa, mescolarli al burro fuso e nei cerchi tipo coppa pasta dai bordi alti, compattare il composto con cura, formando come una base, quindi, riporre in frigo;
intanto, scaldare leggermente la panna, farci sciogliere la gelatina, precedentemente messa in ammollo, ben strizzata ed aggiungerla al formaggio cremoso, lavorando insieme allo zucchero a velo;
foderare foderare i coppa pasta con dell’acetato, nel centro farvi scivolare un po’ di confettura di pomodorino, poi riempirli con la crema e riporli in frigorifero almeno un’ora o fino a che la crema rapprenda;
a parte, far colare lo sciroppo dai pomodorini, quindi, sistemarli sulle cheesecake decorandole; a quelle coi pomodorini gialli, aggiungere pezzettini di lime sciroppato;
poco prima di servire, sfilare dapprima i coppa pasta e poi l’acetato.


Volendo, accompagnare i dolci con una ganache al cioccolato fondente, preparata facendo sciogliere 60 g di cioccolato nel micro onde a bassissima potenza; a parte riscaldare 40 g di panna fresca, mescolarla al cioccolato caldo, infine aggiungere 8 g di burro e mescolare ancora; a temp. ambiente, aromatizzare con un goccio di liquore agli agrumi.


Buon anno

Commenti

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghettino, ma con un diametro minore.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a…