Passa ai contenuti principali

Babà vesuviano

Da quando ho scoperto la ricetta di Tinuccia dal suo blog Mollica di Pane, i babà mi riescono sempre bene e tengo a precisare che non è la cd. "fortuna della principiante" perché con questa sua ricetta, oramai li preparo con successo, da qualche anno.

Questa volta, ho voluto giocare un po’ con una pittoresca coreografia a contorno di questo
   
"babà vesuviano"

 

Dunque, per preparare il babà basterà seguire scrupolosamente ogni passaggio della preziosa ricetta ed usare esclusivamente farina di forza, tipo Manitoba.
In pratica la ricetta prevede di lavorare con una forchetta o con la foglia della planetaria, per 5 minuti,
  • 75 grammi di burro 
  • 25 grammi di zucchero 
  • 18 grammi di lievito di birra, fino a che diventino una crema
Quindi, unire all'impasto, una per volta,  
  • n. 4 uova grandi
  • n. 2 tuorli (ovvero 320 g di uova in totale)
lasciando per ultimi i tuorli ed alternando le aggiunte d'uova ai  
  • 300 grammi di farina di forza
da unire un cucchiaio per volta.

Con l'ultimo tuorlo si aggiungeranno
  • 5 grammi di sale.
Far incordare l'impasto, quindi, sostituire la foglia della planetaria, con il gancio e far impastare per altri venti minuti circa, fino a quando l'impasto formerà il cd. "velo", diventando lucido.

L'impasto ottenuto va  ripiegato partendo da un lembo verso il centro e completando il giro.

Se si vogliono preparare i babà come quelli in foto, con le mani bene imburrate, si mozza l'impasto in porzioni da una ottantina di grammi, ma dipende dalla grandezza degli stampini, facendo cadere l'impasto nelle formine bene imburrate (occorreranno circa 25 grammi di burro per imburrarle tutte), con il lato mozzato sotto.

Si lascia lievitare un paio d'ore (la lievitazione dipende dalla temperatura esterna) nel forno chiuso e quando si sarà formata come una "cupoletta" che fuoriesce dagli stampi, infornare a 170° C per una quindicina di minuti.

Se invece, si vuole preparare un babà unico, sistemare l'impasto, con le mani ben unte di burro, nello stampo anch'esso ben imburrato.
Si pone a lievitare per circa tre ore nel forno spento.
Una volta lievitato, si inforna alla temp. di 190° C.

Una volta freddi, i babà si imbevono in una bagna così preparata:
si faranno bollire  in mezzo litro d'acqua, 400 grammi di zucchero per 5 minuti. Quando lo sciroppo diventerà tiepido, si aggiungerà ad esso il Rhum per pasticceria, 100 grammi circa o secondo i propri gusti.

Questo sciroppo si versa tiepido sui babà fino ad immergerli completamente. Questi si imbibiranno di liquido per essere poi, strizzati molto delicatamente. Una volta inzuppati, di consueto, li tengo in un contenitore a testa in giù fino al momento di consumarli.

Il babà grande, quello dello stampo unico, va invece, bucherellato nella parte superiore quando è ancora nello stampo, così da versarci sopra lo sciroppo tiepido, lentamente. Dopo una decina di minuti, quando lo sciroppo sarà stato assorbito, si capovolge su un piatto da portata ed è pronto per essere consumato.

I babà si possono servire anche accompagnati da crema pasticcera ed amarene oppure da panna o chantilly e frutta fresca.


Questi altri babà successivi:

Babà unico prima della bagna


Babà monoporzione nella bagna
Babà zuppa inglese 

Con crema e fragoline

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…