Passa ai contenuti principali

Zuppa inglese alla napoletana


E’ uno dei miei dolci preferiti la zuppa inglese, napoletana, qualcuno per questo, azzarda a chiamarmi Giuditta (dal Piccolo Diavolo di Benigni, dove Giuditta, appunto, aveva scoperto una passione smodata per la zuppa inglese).
Per prepararla occorrono un pan di spagna, la crema pasticcera, le amarene sciroppate, lo sciroppo per la bagna e la meringa.
Di seguito ho elencato le ricette di tutte le componenti il dolce:

Pan di spagna:
ricetta da Letizia

Ingredienti: 3 uova, 90 g farina 00, 90 g zucchero, un pizzico di sale.
Sbattere con la frusta, nella planetaria alla massima velocità, le tre uova, lo zucchero ed il pizzico di sale, fino ad avere una spuma.
Aggiungere la farina setacciata a velocità minima fino a che scompare nell’impasto e spegnere la planetaria. Eventualmente mescolare, staccando la frusta dall’apparecchio, delicatamente a mano per uniformare bene ed infornare 160° C per una trentina di minuti.

Sciroppo per la bagna:
Ingredienti: 220 g di acqua, 110 gr. di zucchero; in un pentolino mettere l’acqua e lo zucchero, far bollire una decina di minuti; quindi dividere la bagna; in una aggiungere lo sciroppo d’amarene (non preferisco l'alchermes a causa della cocciniglia) e nell’altra, il rhum per pasticceria.

Crema pasticcera:
Ingredienti:  ½ litro di latte fresco, 4 tuorli, 4 cucchiai di zucchero (zucchero aromatizzato con bacche di vaniglia), 4 cucchiai di farina, una buccia di limone meglio se biologico.
Far bollire il latte con la buccia del limone.
A parte, mescolare con una frusta a mano, i tuorli con lo zucchero, aggiungere poi, la farina ed il pizzico di sale. Aggiungere il latte caldo e cuocere mescolando di continuo, su fiamma bassa, fino a che ispessisce.
Far raffreddare, mescolando di tanto in tanto.

Meringa napoletana:
Ingredienti: secondo la formuletta A+2 x Z, indicata da Adriano sul forum gennarino, per n. 4 albumi, aggiungere due volte il peso degli albumi in zucchero semolato ed il succo di mezzo limone.
Con le fruste della planetaria alla massima velocità, sbattere i 4 albumi con pari peso in zucchero (meglio se sottile o al velo), un cucchiaino raso di amido di mais ed il succo del limone, quando cominciano a montare, versare l’altra metà dello zucchero, poco alla volta, fino ad ottenere una meringa soda. 

Composizione del dolce:


Tagliare il pan di spagna a fettine spesse un centimetro circa. Su un piatto di ceramica resistente al forno, stendere un cucchiaio di crema pasticcera e sistemare un primo strato di fette di pan di spagna. Bagnarle con un pennello intinto nella prima bagna e formare uno strato di crema pasticcera; distribuire sopra le amarene sciroppate. Continuare con un altro strato di pan di spagna, bagnarlo con la seconda bagna, stendere un altro strato di crema, cospargere di amarene sciroppate;  formare l’ultimo strato di fettine di pan di spagna e bagnarle, con la prima bagna.
Coprire il tutto con la meringa, usando il sac a poche o anche un cucchiaio, formando delle guglie o dei decori e mettere in forno bassissimo (50° C) per almeno un paio d’ore ad asciugare.
Far raffreddare bene, la zuppa inglese prima di servirla.
Eventualmente, con l'apposito cannello, caramellare le "guglie" di meringa.
 

E questa è una mia piccola creazione kitsch della serie "pittoresca" dei babà:
il babà Vesuvio e Monte Somma imbiancati alla zuppa inglese napoletana, in tiratura limitata.

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…