Passa ai contenuti principali

Ravioli con funghi e noci tostate su fonduta di Caciocavallo


La seconda ricetta per il CACIO a cavallo, il Contest de "La Tramontina" e del blog Cappuccino e cornetto, per la categoria PIATTI DELLE FESTEè:
 "ravioli con funghi e noci tostate su fonduta di Caciocavallo"
E' un piatto appena un po' laborioso da preparare, ma a mio avviso, molto saporito. Può rappresentare la prima portata di un pranzo delle Feste, in cui sarà stato sicuramente preceduto, così come seguito, da altre pietanze deliziose e festaiole.

Questi ravioli di pasta fresca, possono essere preparati in anticipo e congelati. In questo modo, vengono drasticamente abbreviati i tempi per la realizzazione del piatto in periodi, come quelli delle feste natalizie, sempre pieni di impegni. Il condimento invece, si preparerà al momento.
Oltre al Caciocavallo, meglio se appena stagionato, nella ricetta sono previsti tutti ingredienti propri della stagione autunno - invernale, come i funghi pioppini od anche i porcini e le noci di Sorrento.

Dosi per una ventina di ravioli, sufficienti per 4 - 5 persone, ingredienti:

per la sfoglia:

  • 160 g circa di semola rimacinata di grano duro (per me una senatore Cappelli)
  • 200 g d’acqua
  • 2 cucchiai d’olio extra vergine d’oliva
  • un pizzico di sale
per il ripieno:


  • 200 g di caciottina primo sale
  • 60 g di Caciocavallo grattugiato
per il condimento:
  • fonduta di Caciocavallo: 200 g di Caciocavallo grattugiato e 400 g di latte intero
  • noci di Sorrento tostate col guscio
  • funghi (pioppini o porcini)  puliti, 400 g circa
  • olio evo
  • peperoncino
  • uno spicchio d'aglio
Preparazione:


portare al bollore l’acqua leggermente salata, aggiungere l’olio evo e poi tutta la semola, togliere dal fuoco e mescolare, passare su una spianatoia e lavorare fino ad avere un impasto omogeneo. Farlo riposare coperto per una mezz’ora.
Nel frattempo, preparare il ripieno mescolando la caciottina con il caciocavallo grattugiato.

Stendere una prima sfoglia facendo attenzione a cospargere il ripiano di semola. Formare dei mucchietti di ripieno, coprire con un’altra sfoglia, coppare formando i ravioli e sigillando bene i bordi. Appoggiare i ravioli, su un vassoio cosparso di semola, senza sovrapporli.


Preparare la fonduta di Caciocavallo, riscaldando a bagnomaria il latte, aggiungendo il caciocavallo e mescolando di continuo, fino a quando il composto risulterà leggermente addensato.

Soffriggere appena uno spicchio d'aglio con del peperoncino piccante in un tegame con olio evo; aggiungere i funghi puliti e portarli a cottura. Aggiustare di sale.

Portare l’acqua al bollore, salare e cuocere i ravioli, facendo attenzione perché sono un po' delicati, fino a quando non risaliranno in superficie.

Scolarli delicatamente, non sovrapporli e saltarli nel tegame con i funghi. Intanto, disporre nei piatti da portata, la fonduta di caciocavallo tiepida, poggiarvi sopra i ravioli, poi i funghi e cospargere con i gherigli di noci tostate e tritate.


Questa ricetta è stata inserita in home page sul sito ufficiale dell' Expo2015 World Recipe



Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…