Passa ai contenuti principali

Cornetti italiani


La ricetta di questi cornetti italiani, viene dal titolare di una storica pasticceria salernitana che la condivise tempo fa, sul forum di Gennarino
Ho provato a prepararli in occasione di una sorta di sperimentazione con discussione sul forum
Nella consistenza somigliano a quelli che qui a Napoli, si trovano comunemente nei bar pasticcerie per la prima colazione e si approssimano di più alla brioche che al croissant francese. 


In passato, avevo già preparato questi con semola di grano duro, questi con polvere di caffè e i cronuts.

Riporto di seguito la ricetta con gli ingredienti e le dosi da me usate, con le quali verranno 24 pezzi circa, precisando che la temperatura ambiente della mia cucina ha sfiorato, durante la preparazione, i trenta gradi:   
 
La biga 
  • 150 g di farina 00 W400
  • 25 g di lievito di birra fresco 
  • 85 g di acqua a temperatura ambiente
Sciogliere il lievito di birra nell'acqua, unire la farina, impastare, fare un panetto e metterlo a lievitare fino al raddoppio in volume (circa un'ora, ma dipende dalla temp. esterna), quindi procedere all'impasto.
 
Impasto
  • 100 g di farina 00 di media forza
  • 250 g di farina 00 W400  (di forza)
  • 110 g di zucchero semolato (aromatizzato con le bacche di vaniglia)
  • 50 g di burro a temp. ambiente
  • 10 g di sale fino
  • 140 g di uova pesate col guscio
  • 135 g di latte intero 
  • un po' di buccia di limone ed arancia grattugiata
Nella ciotola della planetaria, mettere la farina, aggiungere il latte, la biga e cominciare ad impastare. Unire il primo uovo, lo zucchero, poi, il secondo uovo, il sale, gli aromi ed incordare. Aggiungere il burro e far incordare completamente, fino al velo, ottenendo un impasto morbido, liscio ed elastico. Raccoglierlo a palla e lasciarlo lievitare coperto, facendogli fare una prima parte della lievitazione, a temperatura ambiente (che era abbastanza elevata) e poi, fino al raddoppio del volume, in frigo.

Panetto per le girate
  • 250 g di burro (di bufala campana Dop per me) 
Procedimento:
Stendere il panetto di burro, tra due fogli di pellicola per alimenti o carta forno, col mattarello, cominciando a dare dei colpetti al centro del panetto freddo; mano mano  il burro diventerà malleabile e si potrà formare un rettangolo spesso un centimetro circa, da conservare in frigo.


Lavorazione:

ritirare l'impasto dal frigo, sgonfiarlo e sulla spianatoia di legno leggermente infarinata, formare un rettangolo, con l'aiuto del mattarello.
Poggiare sui 2/3 dell'impasto il panetto di burro anch'esso freddo e piegarvi sopra il lembo superiore dell'impasto, quindi piegare ancora, metà e metà, ovvero dare una prima piega a tre. Le pieghe o giri sono spiegate e illustrate anche qui. Coprire con una pellicola per alimenti e far riposare in frigo almeno mezz'oretta. 
Riprendere l'impasto dal frigo, stenderlo formando un rettangolo dello spessore di un paio di centimetri e dare un'altro giro a tre. Far riposare in frigo una mezz'oretta.
Riprendere ancora l'impasto e dare una piega doppia. Mettere in frigo, coperto da pellicola alimentare, nella parte più fredda e a questo punto, lasciar riposare anche tutta la notte.
L'indomani, stendere l'impasto allo spessore di 1,5 cm circa e con una rotellina, ritagliare dei triangoli isosceli (i miei misuravano circa 8 cm di base per 24 cm d'altezza). Se si vogliono farcire, poggiare alla base di ogni triangolo, un cucchiaino di crema oppure marmellata o altro a piacereFormare i cornetti, intagliando la base, al centro, di un centimetro ed arrotolandoli stretti, partendo dalla base verso la punta, avendo cura di far capitare la punta sotto.
Adagiarli nella placca da forno foderata e farli lievitare (ho evitato di spennellarli con l'uovo per gusto personale) ed infornare alla temperatura di 160° C in modalità ventilata, per circa 15 minuti. 
Quando saranno ancora caldi, lucidarli con uno sciroppo di acqua e zucchero ed eventualmente, cospargerli con qualche granello di zucchero di canna.

Con alcune strisce di impasto, farcite ed arrotolate, ho formato queste briochine cotte negli stampini da babà:

 
N.B.: il burro di bufala campano Dop ha conferito un sapore ed aroma speciali ai cornetti.

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…