Passa ai contenuti principali

Panini alla Mozzarela di bufala campana Dop


  
Prendendo spunto dalla ricetta che lo Chef  Gaetano Iannone degli Oleandri Resort ha regalato alle Strade della Mozzarella, ho preparato i panini alla mozzarella di bufala campana Dopdopo averli assaggiati al buffet delle ricche colazioni agli Oleandri Resort di Paestum, durante i giorni delle Strade della Mozzarella.
Li abbiamo sperimentati sul forum Gennarino. Ho modificato un po’ la preparazione, di mia iniziativa.

  Ingredienti


Procedimento:

la prima operazione da fare è frullare la mozzarella con un po’ della sua acqua per ricavarne una crema;
a parte, preparare un lievitino sciogliendo in 20 g d’acqua di governo della mozzarella, 7 grammi di lievito di birra e 20 grammi di farina. Dopo circa 45 minuti, quando il lievitino sarà pronto (si noterà un piccolo cedimento al centro), mettere nella ciotola della planetaria la farina, la crema di mozzarella, questo lievitino e iniziare ad impastare con la foglia, aggiungendo 40 grammi d’acqua di governo della mozzarella, con tutto il latte che viene fuori dalle mozzarelle quando vengono tagliate, ma gradualmente, poco liquido per volta (se non è necessario tutto non aggiungerlo) ed alla fine, unire il sale. Far impastare qualche minuto, cambiare la foglia col gancio ed impastare fino ad ottenere un impasto elastico, morbido ed uniforme, che “pulisca” la ciotola.
Arrotondare l’impasto e farlo lievitare coperto fino al raddoppio (circa un’ora).
Trascorso questo tempo, degassare l’impasto, dargli una piega e staccare dei pezzetti da 60 grammi ca. ciascuno; arrotondarli facendoli roteare sotto la mano sul ripiano, quindi formare dei panini tondeggianti, schiacciando le palline, arrotolandole su se stesse per poi dare una forma sferica. Poggiare i panini mano a mano che vengono formati, con la chiusura sotto, su una teglia da forno foderata con carta antiaderente, ben distanziati tra loro. Far lievitare di nuovo, circa un’ora e mezza.

Infornare alla temperatura di 200° C per 15 minuti circa.

 

Commenti

  1. Che delizia!! Ma io dov'ero che me li sono persi agli oleandri? :-(
    Li voglio fare presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina, era facile perdersi nella vastità di quel buffet.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Papaccelle napoletane ricce imbottite ('mbuttunate)

Sono tra gli ortaggi estivi che più mi piacciono e questa è la loro stagione. Parlo della papaccella napoletana (papaccella riccia), che è diventata anche un presidio Slow Food nel 2004.
E'
una varietà di peperone, dalla pezzaturapiccola, variamente colorata di giallo sole, di verde e di rosso intenso o vinato, tipicamente coltivata nelle zone del napoletano e del vesuviano. Queste in foto sono papaccelle  biologiche che coltiva mia zia Anna nel suo terreno a Napoli.

A me piacciono cucinate in ogni maniera: a minestrina, in padella, stufate con olive e capperi, nella cianfotta, con la pasta oppure crude nelle insalate, quando si trovano fresche, in estate.
Nella stagione invernale, quando si trovano solo sott’aceto, sono utilizzate nell’insalata di rinforzo a Natale o soffritte come contorno della carne di maiale nei mesi più freddi (e lì ci sta bene anche qualche papaccella piccante o forte).

Questa versione della papaccella ‘mbuttunata(imbottita), è quella che più preferisco ed …