Passa ai contenuti principali

Scauratielli cilentani

I miei ricordi sono da sempre legati, in primo luogo, agli odori, poi ai colori ed ai sapori. 

Da qualche anno per le Strade della mozzarella  #LSDM,  ho alloggiato presso gli Oleandri Resort a Paestum (Sa) ed ogni volta, ogni anno, mi basta solo solcare la porta della hall degli Oleandri Resort per essere catapultata come per un automatismo, nel relax di una vacanza: i profumi del grande giardino, i colori della bellissima piscina, il comfort della struttura e delle camere, la tranquillità, insomma una bellezza. 

scauratielli

Ma, come dicevo, nella mia testa si fissano, prima di ogni altra cosa, gli odori  e quando mi recavo nella sala dell'hotel per la prima colazione attraversando il bel giardino, poco prima della porta d'ingresso, si friggevano gli "scauratielli", una sorta di tipiche zeppoline locali, condite con miele profumato d'agrumi, fragranti e calde, una vera delizia. Quella è stata la mia prima colazione preferita durante i soggiorni passati a Paestum

A distanza di qualche mese, ho provato a rifare gli "scauratielli" a casa, per poter rivivere almeno in parte, i sapori ed i profumi delle belle giornate trascorse agli Oleandri Resort, nella speranza di ritornarci prestissimo, perche le Strade della Mozzarella, sono sempre in movimento.
 


Ingredienti:

  • 350 grammi d’acqua 
  • 175 grammi di farina 00
  • un pizzico di sale
  • un pizzico di zucchero
  • un pezzetto di rosmarino fresco
  • la buccia di mezzo un limone
  • la buccia di mezza arancia
  • la buccia di mezzo mandarino
  • 20 g d'olio evo
  • 20 g di vino bianco secco
  • miele  millefiori q.b.


Preparazione:

in una pentola mettere l'acqua, il sale, lo zucchero, il rosmarino, qualche pezzetto della buccia del limone e dell'arancia (la parte esterna), l'olio, il vino e portare all’ebollizione; togliere gli aromi ed aggiungere la farina setacciata, a pioggia, poca per volta, mescolando fino ad ottenere un impasto uniforme ma morbido.
Rovesciare l’impasto su un piano oliato e batterlo col mattarello fino a stenderlo, piegarlo su se stesso e batterlo di nuovo cercando di far uscire eventuali bolle d’aria (possono costituire un pericolo durante la frittura perché possono scoppiare).
Quando l'impasto sarà ancora caldo, con le mani oliate, formare dei bastoncini lunghi una ventina di centimetri, dello spessore del mignolo e forgiare gli scauratielli ad alfa (α) e ad omega (Ω). Poggiarli su un ripiano oliato, mano a mano che vengono formati, evitando l'uso della farina.

Friggerli, pochi per volta, in un padellino profondo pieno d’olio e fino a doratura. Scolarli dall’olio in eccesso.

Riscaldare un po' di miele in un tegamino insieme ad un cucchiaino di zucchero, grattugiare la buccia degli agrumi per aromatizzare, aggiugerla al miele ed intingervi gli scauratielli, uno per volta.
Sistemarli su di un piatto da portata e consumarli subito, ancora caldi e fragranti.
Nel periodo natalizio si usa aggiungere agli scauratielli, dei piccoli confettini colorati all’anice come decorazione.

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…