Passa ai contenuti principali

Pummarul'è

C'è il rosso ben augurante del pomodoro, il bianco candido della ricotta e dello zucchero, il pisto, l'aroma delle feste di fine d'anno a Napoli, questi i colori del mio dolce tra cassatina e zuppetta, da semplice appassionata, per il menù di Natale. 
Anagrammando Pummarulelle e Napul'è  l'ho chiamato

Pummarul'è 

Pummarul'è mignon



Pummarul'è 

Ingredienti:
Preparazione:
far scolare bene la ricotta dal siero, aggiungere lo zucchero, setacciare, unire il pisto, mescolare con una frusta metallica e tenere in frigo una notte.
Stendere la pasta sfoglia inversa, cospargerla di zucchero semolato, raffreddarla  e cuocerla in forno a 200° C per una decina di minuti. 
Tagliare il pan di spagna a fette spesse un centimetro e mezzo circa.
Preparare  la bagna partendo da uno sciroppo preparato con 200 grammi d’acqua e 100 g di zucchero, far bollire per pochi minuti; quando diventerà fredda, unire il liquore.
Tritare il cioccolato fondente e tenendone 1/3 da parte, farlo sciogliere al micro onde; raggiunta la temperatura di 50° C, aggiungere il cioccolato tritato tenuto d parte e mescolare; stendere tra due fogli di acetato e far raffreddare; con un coltello, ricavare le scagliette.


Montaggio:
nei coppa pasta dai bordi alti, per le mignon oppure in uno stampo rettangolare regolabile, comporre il dolce partendo dalla base di sfoglia caramellata,  sulla quale stendere un velo di confettura di pomodorini, quindi passare allo strato di pan di spagna imbevuto (aiutandosi con un pennello da pasticceria), formare dei ciuffetti di crema di ricotta con la tasca da pasticciere, poggiarvi sopra i pomodorini, ben scolati dallo sciroppo, le scorzette di limone, le scagliette di cioccolato fondente.
Tenere in frigorifero.


Auguri 

Commenti

  1. Excellent web site you have here.. It's hard to find excellent writing like yours nowadays.
    I seriously appreciate people like you! Take care!!

    RispondiElimina
  2. Hello my family member! I want to say that this post
    is awesome, great written and come with approximately all vital
    infos. I would like to look extra posts like this .

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghettino, ma con un diametro minore.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a…