Passa ai contenuti principali

Brioche alla crema e amarena

Nella mia continua e personale ricerca della brioche prediletta, senza quantità enormi di burro nell'impasto, dalla consistenza soffice e con una bella mollica, ho messo a punto questa ricetta:

Impasto:
  • 250 g di latte
  • 15 g lievito di birra fresco
  • 500/530 g di farina W 330
  • 80 g di burro a temperatura ambiente
  • 80 g di zucchero (aromatizzato alla vaniglia)
  • 6 g di sale
  • 2 uova grandi
  • la buccia grattugiata di un limone
  • un goccio di rhum
Farcia:
  • granella di zucchero

Far intiepidire 50 grammi di latte, presi dal totale e sciogliervi il lievito di birra.
Nella ciotola dell’impastatrice mettere la farina, lo zucchero, il latte (tenerne un po’ da parte) e cominciare ad impastare con la frusta a K, unire il composto col lievito, poi le uova,  la buccia del limone, il sale, il resto del latte ed alla fine, il burro a pezzetti e far incordare, girando e sollevando spesso l’impasto, aggiungere il goccio di rhum e continuare ad impastare fino a che non si formi il velo.
Dare un giro di pieghe, partendo da un lembo dell'impasto e ripiegandolo verso il centro; formare una palla e lasciarla più che raddoppiare in un recipiente coperto (ci vorranno un paio d’ore), oppure far puntare brevemente a t.a., quindi, trasferire in frigo per la notte. L'indomani riprendere l'impasto dal frigo e farlo arrivare a temperatura ambiente.
Sgonfiarlo con i pugni e rovesciarlo su un piano infarinato; porzionare, ricavare dei rettangoli e farcirli con crema pasticcera e amarene; chiuderli sul lato più lungo, sigillandoli bene. Con questi cordoncini così ricavati, si possono formare delle trecce, oppure si possono avvolgere su se stessi a spirale.

Con una parte di impasto ho provato a formare anche delle simil brioche col tuppo:  ho formato delle palline di cui la metà più grandi; queste le ho appiattite, farcite al centro con crema ed amarena, chiuso i lembi senza stringere troppo, sigillandoli sotto per scongiurare fuoriuscite in cottura; ho formato un incavo superiormente dove ho posato la pallina più piccola.

Far lievitare fino al raddoppio, spennellare con il latte e cospargere con la granella di zucchero.

Infornare a 160° C per una trentina di minuti (dipende dalla pezzatura).

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

Casatiello dolce di Pasqua con la ricetta di nonna Elisabetta

Il casatiello dolce , è un dolce pasquale molto apprezzato in casa nostra e si prepara tradizionalmente, solo a Pasqua. Ha una consistenza leggermente asciutta, così come può esserlo un dolce antico e per questa sua caratteristica, si conserva a lungo.  In famiglia ne prepariamo due versioni, una che viene tramandata dalla famiglia materna ed una da quella paterna .  Secondo me, sono tutte e due buonissime, non riesco a preferirne una all'altra, per cui, nel dubbio, le preparo entrambe, nonostante nel periodo pasquale la casa sia piena di pastiere , casatielli ,  pizze piene , etc. etc. Questa versione è quella della nonna materna, la nostra amata nonna Elisabetta , ottima e fine cuoca, abilissima coi dolci, che tante cose buone ci ha insegnato a preparare e ci preparava. Ingredienti: 800 g di farina 00 (meglio se forte) 300 g di criscito (o lievito madre in forza ) 400 g di zucchero semolato 8 uova (più 2 albumi per la glassatura) 200 g burro 150 g di uvetta 200 g ce