Passa ai contenuti principali

Brioche alla crema e amarena

Nella mia continua e personale ricerca della brioche prediletta, senza quantità enormi di burro nell'impasto, dalla consistenza soffice e con una bella mollica, ho messo a punto questa ricetta:

Impasto:
  • 250 g di latte
  • 15 g lievito di birra fresco
  • 500/530 g di farina W 330
  • 80 g di burro a temperatura ambiente
  • 80 g di zucchero (aromatizzato alla vaniglia)
  • 6 g di sale
  • 2 uova grandi
  • la buccia grattugiata di un limone
  • un goccio di rhum
Farcia:
  • granella di zucchero

Far intiepidire 50 grammi di latte, presi dal totale e sciogliervi il lievito di birra.
Nella ciotola dell’impastatrice mettere la farina, lo zucchero, il latte (tenerne un po’ da parte) e cominciare ad impastare con la frusta a K, unire il composto col lievito, poi le uova,  la buccia del limone, il sale, il resto del latte ed alla fine, il burro a pezzetti e far incordare, girando e sollevando spesso l’impasto, aggiungere il goccio di rhum e continuare ad impastare fino a che non si formi il velo.
Dare un giro di pieghe, partendo da un lembo dell'impasto e ripiegandolo verso il centro; formare una palla e lasciarla più che raddoppiare in un recipiente coperto (ci vorranno un paio d’ore), oppure far puntare brevemente a t.a., quindi, trasferire in frigo per la notte. L'indomani riprendere l'impasto dal frigo e farlo arrivare a temperatura ambiente.
Sgonfiarlo con i pugni e rovesciarlo su un piano infarinato; porzionare, ricavare dei rettangoli e farcirli con crema pasticcera e amarene; chiuderli sul lato più lungo, sigillandoli bene. Con questi cordoncini così ricavati, si possono formare delle trecce, oppure si possono avvolgere su se stessi a spirale.

Con una parte di impasto ho provato a formare anche delle simil brioche col tuppo:  ho formato delle palline di cui la metà più grandi; queste le ho appiattite, farcite al centro con crema ed amarena, chiuso i lembi senza stringere troppo, sigillandoli sotto per scongiurare fuoriuscite in cottura; ho formato un incavo superiormente dove ho posato la pallina più piccola.

Far lievitare fino al raddoppio, spennellare con il latte e cospargere con la granella di zucchero.

Infornare a 160° C per una trentina di minuti (dipende dalla pezzatura).

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Papaccelle napoletane ricce imbottite ('mbuttunate)

Sono tra gli ortaggi estivi che più mi piacciono e questa è la loro stagione. Parlo della papaccella napoletana (papaccella riccia), che è diventata anche un presidio Slow Food nel 2004.
E'
una varietà di peperone, dalla pezzaturapiccola, variamente colorata di giallo sole, di verde e di rosso intenso o vinato, tipicamente coltivata nelle zone del napoletano e del vesuviano. Queste in foto sono papaccelle  biologiche che coltiva mia zia Anna nel suo terreno a Napoli.

A me piacciono cucinate in ogni maniera: a minestrina, in padella, stufate con olive e capperi, nella cianfotta, con la pasta oppure crude nelle insalate, quando si trovano fresche, in estate.
Nella stagione invernale, quando si trovano solo sott’aceto, sono utilizzate nell’insalata di rinforzo a Natale o soffritte come contorno della carne di maiale nei mesi più freddi (e lì ci sta bene anche qualche papaccella piccante o forte).

Questa versione della papaccella ‘mbuttunata(imbottita), è quella che più preferisco ed …