Passa ai contenuti principali

Pasta al ragù napoletano con le braciole

Oggi è il #WorldPastaDay, che compie 20 anni. Per festeggiarlo, anche se oggi non è domenica, ho preparato il ragù. Un mostro sacro della cucina napoletana, una preparazione che intimorisce, almeno me, ma ne ho voluto scrivere lo stesso, partendo da questo che non è proprio il classico Ragù, ma quello con le braciole, diciamo un ragù "my way" a condire gli ziti spezzati a mano. E tanti auguri alla pasta e ai pastaioli, con l'augurio che continui a farci felici tutti e a donarci un sorriso almeno a tavola. 
Questa è la ricetta,"che non è di chi la scrive ma di chi se ne serve".

Ingredienti  per 4 persone
  • N.1 bottiglia e mezza di passata di pomodoro
  • 400 g di manzo tagliato a fette (io chiedo al mio macellaio Ciro il taglio adatto e disponibile
  • N. 1 cipolla (ramata)
  • olio extravergine q.b.
  • vino q.b.
  • Pecorino Romano a pezzettini
  • mezzo spicchio d’aglio
  • un rametto di prezzemolo fresco
  • pinoli, una ventina
  • passolini, 10 grammi
  • pepe nero da macinare al momento, una spolverata
  • spago per uso alimentare 
  • sale
  • Parmigiano reggiano stagionato (facoltativo) 
  • Ziti spezzati, 500 grammi (se restasse la pasta condita, riscaldata è ancora più saporita).


Procedimento

Preparare le braciole stendendo con cura le fette di manzo e farcendole con pezzetti di Romano, un pezzettino d’aglio (poco), un po’ di prezzemolo tritato, i pinoli, i passolini sciacquati e asciugati, una spolverata di pepe nero e arrotolare stretto; legare con spago per alimenti.
Per il ragù, far rosolare lentamente, in un fondo d’olio extra vergine d’oliva, le cipolle affettate, si devono imbiondire appena, poi aggiungere le braciole ben legate.
Quando saranno rosolate, aggiungere un bicchiere di vino secco (ho usato il greco di Tufo, ma ci potrebbe volere un rosso non molto corposo) e continuare la cottura a fuoco lento fino alla sua completa evaporazione, deve sfumare tutto il vino.
A questo punto, aggiungere la passata di pomodoro, un pizzico di sale e far prendere temperatura, mescolando di tanto in tanto; quindi, abbassare la fiamma al minimo, coprire la pentola, mettendo sotto al coperchio, di lato, la “cucchiarella” lasciando una fessura.
Deve cuocere sobbollendo, per ore, sette - otto, lentamente, ci vuole un po’ di pazienza.
Cominciando di sera, si può completare la cottura del ragù, il mattino successivo.
Rimestare di tanto in tanto, per non far attaccare.
Piano piano, peppiando pippiando, il ragù assumerà il suo caratteristico colore rosso scuro ed una consistenza densa, facendo affiorare i grassi in superficie.
Col ragù caldo, condirci una buona pasta, ziti spezzati, candele, pasta secca di Gragnano.
 Solo su richiesta, una spolverata di parmigiano reggiano stagionato sulla pasta.
Non esitare a fare la scarpetta col pane, il ragù la merita e nessuno si scandalizzerà.
La braciola, liberata dallo spago, viene servita come seconda portata, spesso con contorno di friarielli (ma anche patatine fritte).
   

Commenti

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia. Per il guscio di pasta frolla : 500 g di farina 00 200 g di burro 2 uova intere 1 tuorlo  200 g di zucchero un pizzico di sale buccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora. Per il ripieno : innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro 1 cucchiaio di zucchero un pizzico di sale buccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso. Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.