Passa ai contenuti principali

Fritole veneziane di pasticceria di Marco Cansado


Frìtole impasto semplice


Capitò che mi trovassi a Venezia per l'ultimo di Carnevale e che qui assaggiassi le frìtole in pasticceria.

Mi piacquero molto, per cui, quando Marco Cansado le pubblicò qui, dove scriveva che bisognava fare un distinguo tra le fritole tradizionali e quelle di pasticceria, poiché queste ultime sono vuote all'interno, praticamente preparate con pasta choux fritta, capii che era la ricetta che cercavo. 
Inoltre, l'impasto poteva essere arricchito dall'aggiunta di uvetta e pinoli, oppure da una farcitura di crema pasticcera o zabaione.

A distanza di qualche anno, le ho preparate, sia semplici che con l'uva passa nell'impasto.

Questa la ricetta di Marco Cansado:
   
Ingredienti per una ventina di frittelle:

  • 200/220 g d'acqua
  • 25 di burro (oppure 20 g di strutto)
  • 18 g di  zucchero
  • 175 g di  farina 00
  • 3 uova
  • un pizzico di sale
  • le bucce di limone e arancia grattugiate
  • un pizzico di ammoniaca per dolci 

Preparazione:

in una casseruola portare all'ebollizione, l'acqua con il burro o strutto, un pizzico di sale e lo zucchero. Appena il liquido bollirà, spostare dal fuoco, unire tutta in una volta, la farina, rimettere sul fuoco e far asciugare il composto, mescolando, come per la normale pasta choux, fino ai primi sfrigolii. 
Mettere l'impasto nella planetaria e lavorarlo con la foglia per farlo intiepidire. Quindi, incorporare le uova, una alla volta, avendo cura di non unire la successiva finché la precedente non sia stata incorporata. Infine, unire la buccia grattugiata degli agrumi e l'ammoniaca. 
A questo punto, in una parte dell'impasto ho unito l'uva passa rinvenuta nel liquore (la grappa). 

Formare le frìtole su quadratini di carta forno, aiutandosi con il sac a poche, oppure formando le frittelle con due cucchiai, come per le quenelle o ancora, staccando dei pezzetti di impasto dal sac a poche facendoli cadere direttamente nella padella; friggere in olio profondo non caldissimo, tenendo presente che in cottura, le frittelle, si svilupperanno lentamente, ma notevolmente in volume.

Asciugare le frìtole dall'olio in eccesso e passarle nello zucchero semolato o in un mix di zucchero a velo e semolato, oppure, se piacciono, farcirle con crema pasticcera o zabaione.




 

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…